[imc-abruzzo] Oscailt Module Update: edit document 3339 [it] Site:1 performed by vinc3nt

imc-abruzzo a lists.indymedia.org imc-abruzzo a lists.indymedia.org
Lun 6 Ott 2008 08:04:01 PDT


Oscailt 3.0 Automatic Notification
Date   : lunedì ottobre 06, 2008 17:04
Action   : edit document 3339 [it]  Site:1 performed by vinc3nt
Reason   : agigunto conflitti interessi

Original Object 3339 XML:

<indyObject objectID="3339" type="DOCUMENT" active="Y" protected="N" language="it">
<name>
<![CDATA[No al Centro Oli di Ortona]]>
</name>
<shortdescription>
<![CDATA[Dossier sul Centro Oli di Ortona]]>
</shortdescription>
<image>
<![CDATA[]]>
</image>
<shortlinktext>
<![CDATA[No al Centro Oli]]>
</shortlinktext>
<longlinktext>
<![CDATA[Dossier sul Centro Oli di Ortona]]>
</longlinktext>
<subtitle>
<![CDATA[]]>
</subtitle>
<summary>
<![CDATA[Il Centro Oli EN'Imbroglio!]]>
</summary>
<longdescription>
<![CDATA[<img src='http://abruzzo.indymedia.org/attachments/sites/site_1/noeni2.jpg' align='right'>
<h3>Sommario del Dossier:</h3>
<ul>
<li><a href="#introduzione">Introduzione</a></li>
<li><a href="#cronologia">Cronologia eventi</a></li>
<li><a href="#rischi">I rischi per la salute</a></li>
<li><a href="#protagonisti">Protagonisti e conflitti di interesse</a></li>
<li><a href="#eni">Fatti e misfatti dell'ENI</a></li>
<li><a href="#mobilitazioni">Mobilitazioni</a></li>
</ul>

<br /><br /><br /><br />

<h3><a name="introduzione">Introduzione</a>:</h3><br />

E' ormai nota la notizia della costruzione di un imponente centro di prima raffinazione del greggio estratto dalle colline ortonesi. Il proggetto rientra in un piu' ampio disegno governativo che vorrebbe l'entroterra abruzzese adibito a risorsa da sfruttare per l'estrazione di petrolio e discarica per i rifiuti industriali. Si e' cominciato a parlare a tal proposito di "petrolizzazione dell'Abruzzo". L'obiettivo energia portato avanti dall'ex presidente della Regione Del Turco in ossequio con le direttive governative che stabiliscono in un documento che Abruzzo e Basilicata sono regioni adibite alla produzione di energia fossile, da il via libera alla costruzione di raffinerie, pozzi e oleodotti per il 35% del territorio abruzzese coperto da permessi estrattivi.
<br /><br />
L'attuarsi di questa politica ha dato gia i suoi buoni frutti. Basta volgere lo sguardo alla discarica piu' grande e pericolosa d'Europa, <a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5485">quella di Bussi</a>.<br />
Qui convergono diversi insediamenti che ospitano tonnellate di rifiuti pericolosi provenienti dai petrolchimici e dalle industrie chimiche di tutta Italia che hanno provocato l'immissione di grossi quantitativi di sostanze tossiche nelle acque del principale fiume della regione, rendendolo un coacervo di veleni, compromettendo l'utilizzo stesso di quell'acqua. Anche qui la vicenda non manca di risvolti allarmanti.
<br /><br />
Silenzio, disinformazione e totale copertura da parte di politici, enti e media su una gravissima emergenza ambientale.
<br /><br />
Rimaniamo in provincia di Chieti. Ortona. I dubbi sul progetto di costruzione degli impianti sono molti. E come non averne difronte alle tante omissioni nella relazione tecnica dell'Eni, che non ha specificato il sistema di trasporto, il sistema di trasformazione dei gas estratti, le sostanze che verranno utilizzate, i dettagli sulla rete, il fabbisogno idrico, lo smaltimento dei rifiuti e l'esistenza o meno di eventuali fasi nocive di lavorazione degli oli estratti. Nonostante questo, la giunta regionale tra il 4 e il 27 aprile 2007 approva l'impresa, con una tanto inusuale quanto sospetta velocita'.
<br /><br />
Se da un lato la procura di Chieti il 29 gennaio 2008 apre un'inchiesta sull'intera vicenda avviando un lungo lavoro di indagine, per stabilire se la contestatissima procedura amministrativa fosse "pulita", dall'altro cominciano ad essere organizzate una serie di dimostrazioni e contestazioni al progetto.
<br /><br />
Ma il consiglio comunale ortonese emette una richiesta per l'abrogazione della legge regionale, faticosamente approvata, che andava a bloccare la costruzione del Centro Oli fino al 31 dicembre 2008, minacciando a gran voce di rivalersi con azioni legali nei confronti dei residenti della zona, singoli cittadini e comitati spontanei sorti nel corso dell'ultimo anno in difesa del proprio territorio.
<br /><br />
L' intento di deturpare la regione dei parchi non ha tregua: se il progetto del centro oli rimarra' congelato fino al nuovo anno, vanno avanti invece i lavori nei pressi del porto di Ortona per l'installazione di alcune piattaforme semisommergibili, destinate all'estrazione di idrocarburi e di gas naturale.
<br /><br />
Viene spontaneo a questo punto fare riferimento alla Basilicata dove a distanza di 15 anni, dall'insediamento dell'ENI per l'estrazione del petrolio, appaiono a tutte e tutti gli effetti devastanti di quell'impianto che non porta ricchezza
<a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5498">e non risolve il problema del lavoro</a>.
<br /><br />
Il <a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5501">ricorso al T.A.R. del <a href="http://icolibri.blogspot.com/2007/12/comunicato-stampa-11-dicembre-2007.html">WWF</a>, che chiedeva la sospensione dell'iter per la costruzione del Centro Oli
ad Ortona <http://abruzzo.indymedia.org/article/5297>, viene giudicato "sbagliato e inammissibile".
<br /><br />
Nelle poche righe della sentenza, il T.A.R. afferma testualmente che l'interesse energetico e' di pari valore (se non superiore) alla <a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5523">salute pubblica</a>. Che quest'ultima fosse da sempre ostaggio degli interessi economici e politici e' una verita'  senza tempo, ma averlo affermato in una sentenza e' un ulteriore
conferma del ruolo servile dei tribunali di stato nonche' di una sempre piu' diffusa visione dell'ambiente e dei territori solo in termini di profitto.
<br /><br />
L'ENI festeggia, e il vero fine della classe politica che ha votato <a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5505">per la costruzione</a> del Centro Oli, e' <a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5512">svelato ancora una volta</a>.<br />
Anche i sindacati confederali al gran completo [CIGL CISL UIL] fin dall'inizio si sono schierati <a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5514?author_name=CNT&comment_limit=0&condense_comments=false#comment6778">al fianco di Confindustria ed ENI</a>, sperando di convincere gli abruzzesi dell'enorme opportunita' offerta da questa infrastruttura in termini di posti di lavoro e ricchezza economica, oltre ad offrire parole <a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5522">senza base scientifica</a> per rassicurare sulla salute di tutti. <br />
Ciechi e sordi alle richieste dei cittadini <http://abruzzo.indymedia.org/article/5480>, gli interessi di chi, come loro, continua <a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5447">strenuamente a difendere</a> l'insediamento petrolifero, col quale sono compromessi, sono cosi' convenienti da non scoraggiarli nell'arte giornaliera del <a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5520">nascondere i pericoli agli abruzzesi</a>.
<br /><br />
Nonostante il via libera del T.A.R.un cavillo tiene in scacco la costruzione del Centro Oli. L'ENI e' attualmente proprietaria di 10 ettari di terreno in contrada Feudo, ma al centro del sito scelto per la raffineria 2 ettari sono ancora in mano di contadini che ne hanno rifiutato la vendita. Soggetti a continue <a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5517">intimidazioni e minacce</a>, 
<a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5517">con delle macchine dell'ENI costantemente parcheggiate sotto le loro case con fare mafioso</a>, questi contadini resistono, e tengono in scacco i petrolieri.
<br /><br />
Negli ultimi giorni e' arrivata la notizia positiva che il Consiglio Regionale ha portato il blocco alle attivita' petrolifere fino al 31 dicembre 2009 con la modifica della L.R. 10/03/2008 n. 2 per quel che riguarda gli atti autorizzativi delle industrie insalubri di prima classe in materia di ricerca e lavorazione di idrocarburi derivanti da petrolio.
<br /><br />
La risposta che l'Eni da difronte a questa nuova situazione, il 4 ottobre, <a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5545">e' un telegramma</a> inviato ai proprietari dei due appezzamenti di terra, scrive: "<i>Se entro martedi' 7 non firmate l'atto di vendita, oltre a restituirci il doppio della caparra, ci pagherete anche i danni per la mancata realizzazione del Centro Oli</i>". Una minaccia per nulla velata del gigante del petrolio contro i due contadini e contro tutto il movimento contro il Centro Oli.
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br /><br /><br />

<h3><a name="cronologia">Cronologia eventi</a>:</h3><br />

<br /><br /><br /><br />

<h3><a name="rischi">I rischi per la salute</a>:</h3><br />
<h5>La comunita' scientifica contro il Centro Oli:</h5><img src="/attachments/sites/site_1/gas_cf1_1.jpg" border="0" width="224" height="224" align="right">
L&#8217;idrogeno solforato si pone come il sotto-prodotto principale dell&#8217;opera di idro-desulfurizzazione del petrolio e puo' essere presente sia sottoforma di componente intrinseca del petrolio naturale, sia come sostanza di risulta durante la sua lavorazione. Alla luce dei proposti progetti di estrazione, lavorazione ed incanalamento del petrolio ad Ortona, e' dunque necessario comprendere in maniera approfondita quali siano le conseguenze dell&#8217;H2S sulla nostra salute e sul nostro territorio.<br /> 
La letteratura scientifica e' unanime nel riconoscere la tossicita' dell&#8217;H2S. Una esposizione ad alte dosi puo' anche provocare la morte istantanea. Poiche' zona proposta per la realizzazione del centro oli Eni di Ortona e' densamente abitata, l&#8217;eventualita' di fuga di quantita' considerevoli di H2S dagli impianti di idro-desulfurizzazione presenterebbe rischi notevoli per la popolazione locale. Esiste infatti ampia documentazione di accidentale emissione di H2S da impianti di lavorazione del petrolio, anche in tempi recenti. Le conoscenze medico-scientifica mostrano inoltre come un contatto quotidiano con basse dosi di H2S, rispetto alle normali immissioni nell&#8217;atmosfera, emesse da un centro di idro-desulfurizzazione possa essere di alta tossicita' sia per la salute umana sia per quella animale e vegetale.
<br /><br />
Nel dossier diffuso dalla professoressa Maria Rita D'Orsogna [docente di fisica della California State University of Northridge] <a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5438">scaricabile</a> per intero su Indymedia Abruzzo, si legge:<br />
<br />
"<i>L&#8217;evidenza scientifica vagliata porta alla conclusione che anche livelli di H2 S al di sotto delle norme stabilite per legge hanno gravissime potenzialita' nocive per la popolazione. L&#8217;H2S, classificato ad alte concentrazioni come veleno, a basse dosi puo' causare disturbi neurologici, respiratori, motori, cardiaci e potrebbe essere collegato ad una maggiore incorrenza di aborti spontanei nelle donne. A volte questi danni sono irreversibili. Da risultati recentissimi emerge anche la sua potenzialita', alle basse dosi, di stimolare la comparsa di cancro al colon</i>".<br />
<br />
e nelle conclusioni:<br />
<br />
"<i>In questo documento abbiamo riassunto i principali danni all&#8217;uomo dovuti all&#8217;esposizione all&#8217;idrogeno solforato, H2S. I danni alle alte concentrazioni sono noti ed includono la morte immediata. Sebbene alle basse concentrazioni sia piu' difficile quantificare gli effetti a lungo termine dell&#8217;H2S ed altri fattori adiuvanti potrebbero contribuire all&#8217;insorgenza di malattie e disturbi, il fatto che in tutti i centri di idro-desulfurizzazione analizzati la popolazione riporti simili esperienze di problemi respiratori, cardiaci, di apprendimento e neurologici, porta alla conclusione che l&#8217;H2S , anche a basse dosi sia nocivo per le popolazioni esposte.</i>"<br />
<br />
<br />
<h5>L'Appello dei Medici:</h5>
Il dr. Fabio Di Stefano, membro dell'Associazione Medici per l&#8217;Ambiente Abruzzo, si appella al prossimo governatore della Regione per dire no al Centro Oli di Ortona: "Un Centro di estrazione e primo trattamento (comprendente la idrodesulfurizzazione) degli idrocarburi determina - spiega Di Stefano - la produzione di una serie di sostanze dannose per la salute umana ed aventi ormai ben note e classificate caratteristiche tossicologiche e cancerogene (polveri sottili, ossidi di zolfo, ossidi di azoto, monossido di carbonio, composti organici volatili, idrocarburi policiclici aromatici, idrogeno solforato). Gli effetti sulla salute da esposizioni acute in seguito ad incidenti o ad emissioni non controllate possono essere drammatici per la vicinanza dell&#8217;impianto a centri abitati e a zone popolate per la pratica della vitivinicoltura e per il turismo balneare. La valutazione dei possibili danni alla salute pubblica deve tener conto inoltre non solo della esposizione acuta a queste sostanze tossiche, ma anche e soprattutto dell&#8217;esposizione cronica a dosi molto basse che si rivela sempre subdola ed insidiosa, con particolare interessamento dei soggetti piu' a rischio quali anziani e bambini. L'unica prevenzione di possibili danni alla salute potenzialmente arrecabili dall&#8217;esposizione cronica a sostanze tossiche e/o cancerogene e' evitare che ci sia l&#8217;esposizione, pertanto - conclude Di Stefano - il progetto e' incompatibile con il principio di precauzione a difesa del diritto alla salute".

<br /><br /><br />

<h3><a name="protagonisti">Protagonisti e conflitti di interesse</a>:</h3><br />

<br /><br /><br /><br />

<h3><a name="eni">Fatti e misfatti dell'ENI</a>:</h3><br />

<br /><br /><br /><br />

<h3><a name="mobilitazioni">Mobilitazioni</a>:</h3><br />]]>
</longdescription>
<pagelayout>
<![CDATA[1868]]>
</pagelayout>
<protected>
<![CDATA[]]>
</protected>
<active>
<![CDATA[on]]>
</active>
</indyObject>

Updated Object 3339 XML:

<indyObject objectID="3339" type="DOCUMENT" active="Y" protected="N" language="it">
<name>
<![CDATA[No al Centro Oli di Ortona]]>
</name>
<shortdescription>
<![CDATA[Dossier sul Centro Oli di Ortona]]>
</shortdescription>
<image>
<![CDATA[]]>
</image>
<shortlinktext>
<![CDATA[No al Centro Oli]]>
</shortlinktext>
<longlinktext>
<![CDATA[Dossier sul Centro Oli di Ortona]]>
</longlinktext>
<subtitle>
<![CDATA[]]>
</subtitle>
<summary>
<![CDATA[Il Centro Oli EN'Imbroglio!]]>
</summary>
<longdescription>
<![CDATA[<h3>Sommario del Dossier:</h3>
<ul>
<li><a href="#introduzione">Introduzione</a></li>
<li><a href="#cronologia">Cronologia eventi</a></li>
<li><a href="#rischi">I rischi per la salute</a></li>
<li><a href="#protagonisti">Protagonisti e conflitti di interesse</a></li>
<li><a href="#eni">Fatti e misfatti dell'ENI</a></li>
<li><a href="#mobilitazioni">Mobilitazioni</a></li>
</ul>

<br /><br /><br /><br />

<h3><a name="introduzione">Introduzione</a>:</h3>
<a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5297"><img src='http://abruzzo.indymedia.org/attachments/sites/site_1/noeni2.jpg' align='left' broder='3' hspace='10'></a>
E' ormai nota la notizia della costruzione di un imponente centro di prima raffinazione del greggio estratto dalle colline ortonesi. Il proggetto rientra in un piu' ampio disegno governativo che vorrebbe l'entroterra abruzzese adibito a risorsa da sfruttare per l'estrazione di petrolio e discarica per i rifiuti industriali. Si e' cominciato a parlare a tal proposito di "petrolizzazione dell'Abruzzo". L'obiettivo energia portato avanti dall'ex presidente della Regione Del Turco in ossequio con le direttive governative che stabiliscono in un documento che Abruzzo e Basilicata sono regioni adibite alla produzione di energia fossile, da il via libera alla costruzione di raffinerie, pozzi e oleodotti per il 35% del territorio abruzzese coperto da permessi estrattivi.
<br /><br />
L'attuarsi di questa politica ha dato gia i suoi buoni frutti. Basta volgere lo sguardo alla discarica piu' grande e pericolosa d'Europa, <a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5485">quella di Bussi</a>.<br />
Qui convergono diversi insediamenti che ospitano tonnellate di rifiuti pericolosi provenienti dai petrolchimici e dalle industrie chimiche di tutta Italia che hanno provocato l'immissione di grossi quantitativi di sostanze tossiche nelle acque del principale fiume della regione, rendendolo un coacervo di veleni, compromettendo l'utilizzo stesso di quell'acqua. Anche qui la vicenda non manca di risvolti allarmanti.
<br /><br />
Silenzio, disinformazione e totale copertura da parte di politici, enti e media su una gravissima emergenza ambientale.
<br /><br />
Rimaniamo in provincia di Chieti. Ortona. I dubbi sul progetto di costruzione degli impianti sono molti. E come non averne difronte alle tante omissioni nella relazione tecnica dell'Eni, che non ha specificato il sistema di trasporto, il sistema di trasformazione dei gas estratti, le sostanze che verranno utilizzate, i dettagli sulla rete, il fabbisogno idrico, lo smaltimento dei rifiuti e l'esistenza o meno di eventuali fasi nocive di lavorazione degli oli estratti. Nonostante questo, la giunta regionale tra il 4 e il 27 aprile 2007 approva l'impresa, con una tanto inusuale quanto sospetta velocita'.
<br /><br />
Se da un lato la procura di Chieti il 29 gennaio 2008 apre un'inchiesta sull'intera vicenda avviando un lungo lavoro di indagine, per stabilire se la contestatissima procedura amministrativa fosse "pulita", dall'altro cominciano ad essere organizzate una serie di dimostrazioni e contestazioni al progetto.
<br /><br />
Ma il consiglio comunale ortonese emette una richiesta per l'abrogazione della legge regionale, faticosamente approvata, che andava a bloccare la costruzione del Centro Oli fino al 31 dicembre 2008, minacciando a gran voce di rivalersi con azioni legali nei confronti dei residenti della zona, singoli cittadini e comitati spontanei sorti nel corso dell'ultimo anno in difesa del proprio territorio.
<br /><br />
L' intento di deturpare la regione dei parchi non ha tregua: se il progetto del centro oli rimarra' congelato fino al nuovo anno, vanno avanti invece i lavori nei pressi del porto di Ortona per l'installazione di alcune piattaforme semisommergibili, destinate all'estrazione di idrocarburi e di gas naturale.
<br /><br />
Viene spontaneo a questo punto fare riferimento alla Basilicata dove a distanza di 15 anni, dall'insediamento dell'ENI per l'estrazione del petrolio, appaiono a tutte e tutti gli effetti devastanti di quell'impianto che non porta ricchezza
<a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5498">e non risolve il problema del lavoro</a>.
<br /><br />
Il <a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5501">ricorso al T.A.R. del <a href="http://icolibri.blogspot.com/2007/12/comunicato-stampa-11-dicembre-2007.html">WWF</a>, che chiedeva la sospensione dell'iter per la costruzione del Centro Oli
ad Ortona <http://abruzzo.indymedia.org/article/5297>, viene giudicato "sbagliato e inammissibile".
<br /><br />
Nelle poche righe della sentenza, il T.A.R. afferma testualmente che l'interesse energetico e' di pari valore (se non superiore) alla <a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5523">salute pubblica</a>. Che quest'ultima fosse da sempre ostaggio degli interessi economici e politici e' una verita' senza tempo, ma averlo affermato in una sentenza e' un ulteriore
conferma del ruolo servile dei tribunali di stato nonche' di una sempre piu' diffusa visione dell'ambiente e dei territori solo in termini di profitto.
<br /><br />
L'ENI festeggia, e il vero fine della classe politica che ha votato <a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5505">per la costruzione</a> del Centro Oli, e' <a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5512">svelato ancora una volta</a>.<br />
Anche i sindacati confederali al gran completo [CIGL CISL UIL] fin dall'inizio si sono schierati <a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5514?author_name=CNT&comment_limit=0&condense_comments=false#comment6778">al fianco di Confindustria ed ENI</a>, sperando di convincere gli abruzzesi dell'enorme opportunita' offerta da questa infrastruttura in termini di posti di lavoro e ricchezza economica, oltre ad offrire parole <a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5522">senza base scientifica</a> per rassicurare sulla salute di tutti. <br />
Ciechi e sordi alle richieste dei cittadini <http://abruzzo.indymedia.org/article/5480>, gli interessi di chi, come loro, continua <a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5447">strenuamente a difendere</a> l'insediamento petrolifero, col quale sono compromessi, sono cosi' convenienti da non scoraggiarli nell'arte giornaliera del <a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5520">nascondere i pericoli agli abruzzesi</a>.
<br /><br />
<a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5514"><img src='http://abruzzo.indymedia.org/attachments/sites/site_1/nocentrooli.jpg' align='right' broder='3' hspace='10'></a>
Nonostante il via libera del T.A.R.un cavillo tiene in scacco la costruzione del Centro Oli. L'ENI e' attualmente proprietaria di 10 ettari di terreno in contrada Feudo, ma al centro del sito scelto per la raffineria 2 ettari sono ancora in mano di contadini che ne hanno rifiutato la vendita. Soggetti a continue <a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5517">intimidazioni e minacce</a>, 
<a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5517">con delle macchine dell'ENI costantemente parcheggiate sotto le loro case con fare mafioso</a>, questi contadini resistono, e tengono in scacco i petrolieri.
<br /><br />
Negli ultimi giorni e' arrivata la notizia positiva che il Consiglio Regionale ha portato il blocco alle attivita' petrolifere fino al 31 dicembre 2009 con la modifica della L.R. 10/03/2008 n. 2 per quel che riguarda gli atti autorizzativi delle industrie insalubri di prima classe in materia di ricerca e lavorazione di idrocarburi derivanti da petrolio.
<br /><br />
La risposta che l'Eni da difronte a questa nuova situazione, il 4 ottobre, <a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5545">e' un telegramma</a> inviato ai proprietari dei due appezzamenti di terra, scrive: "<i>Se entro martedi' 7 non firmate l'atto di vendita, oltre a restituirci il doppio della caparra, ci pagherete anche i danni per la mancata realizzazione del Centro Oli</i>". Una minaccia per nulla velata del gigante del petrolio contro i due contadini e contro tutto il movimento contro il Centro Oli.
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br /><br /><br />

<h3><a name="cronologia">Cronologia eventi</a>:</h3><br />

<br /><br /><br /><br />

<h3><a name="rischi">I rischi per la salute</a>:</h3>
<h5>La comunita' scientifica contro il Centro Oli:</h5><img src="/attachments/sites/site_1/gas_cf1_1.jpg" border="0" width="224" height="224" align="right">
L&#8217;idrogeno solforato si pone come il sotto-prodotto principale dell&#8217;opera di idro-desulfurizzazione del petrolio e puo' essere presente sia sottoforma di componente intrinseca del petrolio naturale, sia come sostanza di risulta durante la sua lavorazione. Alla luce dei proposti progetti di estrazione, lavorazione ed incanalamento del petrolio ad Ortona, e' dunque necessario comprendere in maniera approfondita quali siano le conseguenze dell&#8217;H2S sulla nostra salute e sul nostro territorio.<br /> 
La letteratura scientifica e' unanime nel riconoscere la tossicita' dell&#8217;H2S. Una esposizione ad alte dosi puo' anche provocare la morte istantanea. Poiche' zona proposta per la realizzazione del centro oli Eni di Ortona e' densamente abitata, l&#8217;eventualita' di fuga di quantita' considerevoli di H2S dagli impianti di idro-desulfurizzazione presenterebbe rischi notevoli per la popolazione locale. Esiste infatti ampia documentazione di accidentale emissione di H2S da impianti di lavorazione del petrolio, anche in tempi recenti. Le conoscenze medico-scientifica mostrano inoltre come un contatto quotidiano con basse dosi di H2S, rispetto alle normali immissioni nell&#8217;atmosfera, emesse da un centro di idro-desulfurizzazione possa essere di alta tossicita' sia per la salute umana sia per quella animale e vegetale.
<br /><br />
Nel dossier diffuso dalla professoressa Maria Rita D'Orsogna [docente di fisica della California State University of Northridge] <a href="http://abruzzo.indymedia.org/article/5438">scaricabile</a> per intero su Indymedia Abruzzo, si legge:<br />
<br />
"<i>L&#8217;evidenza scientifica vagliata porta alla conclusione che anche livelli di H2 S al di sotto delle norme stabilite per legge hanno gravissime potenzialita' nocive per la popolazione. L&#8217;H2S, classificato ad alte concentrazioni come veleno, a basse dosi puo' causare disturbi neurologici, respiratori, motori, cardiaci e potrebbe essere collegato ad una maggiore incorrenza di aborti spontanei nelle donne. A volte questi danni sono irreversibili. Da risultati recentissimi emerge anche la sua potenzialita', alle basse dosi, di stimolare la comparsa di cancro al colon</i>".<br />
<br />
e nelle conclusioni:<br />
<br />
"<i>In questo documento abbiamo riassunto i principali danni all&#8217;uomo dovuti all&#8217;esposizione all&#8217;idrogeno solforato, H2S. I danni alle alte concentrazioni sono noti ed includono la morte immediata. Sebbene alle basse concentrazioni sia piu' difficile quantificare gli effetti a lungo termine dell&#8217;H2S ed altri fattori adiuvanti potrebbero contribuire all&#8217;insorgenza di malattie e disturbi, il fatto che in tutti i centri di idro-desulfurizzazione analizzati la popolazione riporti simili esperienze di problemi respiratori, cardiaci, di apprendimento e neurologici, porta alla conclusione che l&#8217;H2S , anche a basse dosi sia nocivo per le popolazioni esposte.</i>"<br />
<br />
<h5>L'Appello dei Medici:</h5>
Il dr. Fabio Di Stefano, membro dell'Associazione Medici per l&#8217;Ambiente Abruzzo, si appella al prossimo governatore della Regione per dire no al Centro Oli di Ortona: "Un Centro di estrazione e primo trattamento (comprendente la idrodesulfurizzazione) degli idrocarburi determina - spiega Di Stefano - la produzione di una serie di sostanze dannose per la salute umana ed aventi ormai ben note e classificate caratteristiche tossicologiche e cancerogene (polveri sottili, ossidi di zolfo, ossidi di azoto, monossido di carbonio, composti organici volatili, idrocarburi policiclici aromatici, idrogeno solforato). Gli effetti sulla salute da esposizioni acute in seguito ad incidenti o ad emissioni non controllate possono essere drammatici per la vicinanza dell&#8217;impianto a centri abitati e a zone popolate per la pratica della vitivinicoltura e per il turismo balneare. La valutazione dei possibili danni alla salute pubblica deve tener conto inoltre non solo della esposizione acuta a queste sostanze tossiche, ma anche e soprattutto dell&#8217;esposizione cronica a dosi molto basse che si rivela sempre subdola ed insidiosa, con particolare interessamento dei soggetti piu' a rischio quali anziani e bambini. L'unica prevenzione di possibili danni alla salute potenzialmente arrecabili dall&#8217;esposizione cronica a sostanze tossiche e/o cancerogene e' evitare che ci sia l&#8217;esposizione, pertanto - conclude Di Stefano - il progetto e' incompatibile con il principio di precauzione a difesa del diritto alla salute".

<br /><br /><br />

<h3><a name="protagonisti">Protagonisti e conflitti di interesse</a>:</h3>
La storia della costruzione del Centro Oli e' condita da immancabili vicende di ordinari conflitti di interessi. Abbiamo cercato di elencarli, ma siamo sicuri che questo elenco crescera' a dismisura.<br />
<br />
<strong>Calogero Marrollo:</strong><br />
<br />
Riccardo Calogero Marrollo e' il presidente di Confindustria Abruzzo dal gennaio 2006. Nato a Scerni nel 1934 e residente a Vasto, sposato con 5 figli, Marrollo opera nel settore dell'Industria dell'edilizia e dei prefabbricati da cinquant'anni. Con la sua iniziativa ha costruito una tra le piu' importanti e solide realta' imprenditoriali abruzzesi, gestita e amministrata interamente dalla sua famiglia. La sua società è
nell'elenco del Consorzio CIA, l'insieme di ditte che potrebbero dividersi i quasi 200 milioni di euro messi in ballo dall'ENI per la costruzione del Centro Oli di Contrada Feudo di Ortona.<br />
<br />
Le aziende del gruppo: Marrollo Costruzioni srl, Società meridionale inerti srl, Cipriani Artesio srl (costruzioni edili stradali), Sigma 90 srl (operante nel settore ecologia), Ciaf Ambiente srl, Marrollo Services srl, Società 2000 srl (operante nel campo della ricettività e delle attività congressuali), Tecnoasfalti srl.<br />
<br />
Il Gruppo Marrollo oggi da occupazione a circa 450 addetti, con un fatturato complessivo di circa 50.000.000 euro.<br />
<br />
Tra le opere più significative realizzate dal Gruppo la costruzione di grandi impianti delle più importanti società italiane quali Agip, Fiat,
Enel, Ferrovie dello Stato, Anas, Autostrade, ecc., l'Interporto di Bologna, ipermercati Coop, il megaparcheggio in piazza 8 agosto a Bologna.
<br /><br />
All'atto della sua nomina a presidente abruzzese di Confindustria, Marrollo ha tracciato alcune linee che avrebbero caratterizzato il suo
mandato, evidenziando l'impegno a rendere Confindustria Abruzzo sempre piu' incisiva e propositiva sui temi della politica economica e
occupazionale della regione, in linea con le indicazioni date a livello nazionale dal presidente di Confindustria Luca Cordero di Montezemolo.
<br /><br />
Marrollo in quasi due anni di presidenza, ha espresso piu' volte il bisogno di dover implementare il confronto con tutte le espressioni
istituzionali, politiche, sociali e culturali regionali, per l'individuazione e la soluzione di tutti quei problemi che impediscono o ritardano lo sviluppo socio economico del Territorio. Ha sempre
sottolineato la necessita' e l'urgenza di richiamare la Regione al suo ruolo guida e il mondo politico ad una maggiore e reale attenzione alle istanze e alle proposte provenienti dal mondo imprenditoriale e civile.
<br /><br />

<strong>Ing. Andreussi</strong><br />
<br />
L'ingegnere ambientale incaricato di fare lo studio <i>"imparziale"</i>, non e' solamente il Direttore della Tea Sistemi SPA [azienda legata alla ENI], ma e' anche il padrone di alcune aziende che
operano nello stesso settore.
<br /><br />

<strong>Nicola Fratino & Remo di Martino</strong>
<br /><br />
Il sindaco di Ortona Nicola Fratino [e il suo braccio destro Remo di
Martino, soprannominato da molti "io ti sparo in bocca" dopo un'uscita
fatta ad una mamma ortonese attiva nel moviemento antipetrolifero], che
con la sua giunta ha dato il via libera ai lavori, è guarda caso il
titolare della ditta di spedizioni portuali ortonese "Fratino" [è facile
immaginare i proventi di questa azienda con decine o centinaia di
petroliere in viaggio] oltre che essere fondatore e membro del Consorzio
Industriale Abruzzese che si è precostituito per costruire le
infrastrutture del Centro Oli.
<br /><br /><strong>Ottaviano Del Turco</strong>
<br /><br />
L'ex presidente della Regione Abruzzo tra i fautori della “riqualificazione” della regione in una macchina da soldi da trivellare
e riempire di veleni a tutto vantaggio di multinazionali e piccoli
impresari locali che cercano di accaparrarsi gli appalti, tanto da
ritenere “un delitto impedire ad Eni di investire”. Ultimamente è stato
occupato a divincolarsi dalle accuse che lo vedono uno dei protagonisti
dello scandalo sulla Malasanità in Abruzzo. Eventi che dimostrano ancora
una volta quanto siano torpidi e aggrovigliati gli affari di poltrona.<br /><br /><br />

<h3><a name="eni">Fatti e misfatti dell'ENI</a>:</h3><br />

<br /><br /><br /><br />

<h3><a name="mobilitazioni">Mobilitazioni</a>:</h3><br />]]>
</longdescription>
<pagelayout>
<![CDATA[1868]]>
</pagelayout>
<protected>
<![CDATA[]]>
</protected>
<active>
<![CDATA[on]]>
</active>
</indyObject>





Maggiori informazioni sulla lista imc-abruzzo