[indy-roma] sconforti varii

alice alice a mortemale.org
Ven 7 Maggio 2010 09:47:27 PDT


Risolvere con un post (questo: https://roma.indymedia.org/node/20074 ) 
la questione del Villaggio non mi rende pienamente felice.
Nonostante mi diciate che sono una bacchettona non penso che pensiate 
sul serio che lo sia, o che lo sia invece il buon Vincent.
Che un posto si mostri al mondo come una cosa di movimento, occupata, 
autogestita e proponga un certo immaginario, lo trovo quantomeno schifoso.
Mi turba un po' vedere che non è così che l'opinione comune pensa: 
parliamo di sesso consensuale? parliamo di ragazze gratis fino alle 24? 
ma de che stamo a parlà?
E' vero che le lotte sociali abbiamo smesso da un po' di farle, che 
l'informazione indipendente non la famo noi ma repubblica.it e che il 
movimento è tutto meno che scevro da sessismo (non che io non sia per 
nulla sessista, anzi, mica vivemo in un acquario) però checcazzo.
Forse c'è bisogno di due analisi, tra noi, ma anche per l'esterno. 
Finché si fanno battute varie tra noi, sticazzi, tanto che l'ambiente 
sovversivo viva una miseria inenarrabile lo sapemo e non è certo dovuto 
alle battutine, ma a comportamenti, atti e fatti.
Ma quel flyer comunica con l'esterno: ora, che all'esterno si veda 
associare (quel tipo di*) inculata e antifascismo a me fa rate.
L'antifascismo è una questione di piacere e a me dispiace sempre vedere 
usato il corpo delle donne, figuramose pe fa soldi su una serata, 
soprattutto se si dà al tempo stesso connotazioni di movimento.
Detto questo, l'unica critica che accetto è che al villaggio la gente ce 
andrà comunque...ma se il villaggio cambiasse stile dei flyer magari je 
se aprirebbe pure un po' er cervello.
Bella,
io comunque a sto punto me iscrivo ad amici.

* se fosse stato inserito in un flyer così 
<http://img.over-blog.com/495x700/1/70/48/27//voisins_c_couleurs_web700.png>...ma 
magari!


Maggiori informazioni sulla lista Imc-roma