[Italy-notify] messaggio di notifica di amministrazione -- 859541

notify notify at indymedia.org
Sun Aug 28 09:43:40 PDT 2005


post  id nr 859541
Editato da mazzetta
Chi scrive e' una compagna del PRC. Una che ti stima e ha condiviso molte tue battaglie (per la Yugoslavia e Cuba ad esempio). Una che non andra' a votare per le primarie, tantomeno per i disobbedienti. Una che sta nella tua mailing list e non ha rinnovato la tessera.
Vedo che sei in America latina. 
Hai scritto due messaggi da caracas e dall'equador. Per dirci che? Per avvertirci che il campo sono nazisti, che la loro conferenza per l'iraq e' una pagliacciata, che chi aderisce o guarda anche solo con simpatia alle loro inziative e' (in poche parole) uno sciocco che si presta alla provocazione.
Bene. Io stavolta non apprezzo queta tua battagliia e guardo con molta simpatia alla loro battaglia. Che faccio? Mi sparo perche' sono schizzofrenica?
Mi pare che nella palude in cui siamo finiti, pur coi loro limiti, i compagni del Campo facciano quel che possono ma lo fanno nella giusta direzione. ((e mi chiedo e ti chiedo: il campo ha ricoperto uno spazio politico vuoto, ma chi e' colpevole se questo spazio e' stato lasciato vuoto? Non siamo colpevoli anche noi, che invece di dare battaglia senza mediazioni sulle cose principali, come l'irak, ci siamo fatti le pippe con  l'Ernesto riversando tante energie sprecate nel PRC?).
fare uno sport delle accuse al Campo mi pare un buon alibi per coprire i nostri errori e per non  entrare nel merito delle questioni che sollevano.

Un esempio mi viene ora in mente: li accusi di invitare alla Conferenza quelli di Moqhtada Sadr, gli sciiiti. Dici (tu che non hai mai avanzato una sola critica a saddam Hussein, come se fosse un Fidel) che questi sono tutti nemici della resistenza e che anche solo discutere con loro sarebbe un tradimento -segno, secondo te, che quelli del campo sono amibigui. Non va bene caro Fulvio. E' invece encomiabile che il campo inviti anche loro ad una conferenza qui in Italia (il governo la tollerera'? e se la proibira' tu che farai? continuerai a urlare alla luna contro il campo?). sarebbe traqgico. 
Se potesi andrei alla Conferenza sull'Iraq anche per questa ragione, per ascoltare cosa davvero vogliono questi sciiti radicali (che non mi pare sia servi  USA come invece dici tu: ma mai senza portare argomenti davvero solidi-- si stanno sparando contri gli altri sciiti di Sistani).
Insomma, come compagni dobbiamo riconoscere quel che di positivo fanno altre componenti e smetterla di azzannarci tra noi.E' nell'interesse di chi se facciamo come i polli di Renzo?

-->
Chi scrive e' una compagna del PRC. Una che ti stima e ha condiviso molte tue battaglie (per la Yugoslavia e Cuba ad esempio). Una che non andra' a votare per le primarie, tantomeno per i disobbedienti. Una che sta nella tua mailing list e non ha rinnovato la tessera.
Vedo che sei in America latina. 
Hai scritto due messaggi da caracas e dall'equador. Per dirci che? Per avvertirci che il campo sono nazisti, che la loro conferenza per l'iraq e' una pagliacciata, che chi aderisce o guarda anche solo con simpatia alle loro inziative e' (in poche parole) uno sciocco che si presta alla provocazione.
Bene. Io stavolta non apprezzo queta tua battagliia e guardo con molta simpatia alla loro battaglia. Che faccio? Mi sparo perche' sono schizzofrenica?
Mi pare che nella palude in cui siamo finiti, pur coi loro limiti, i compagni del Campo facciano quel che possono ma lo fanno nella giusta direzione. ((e mi chiedo e ti chiedo: il campo ha ricoperto uno spazio politico vuoto, ma chi e' colpevole se questo spazio e' stato lasciato vuoto? Non siamo colpevoli anche noi, che invece di dare battaglia senza mediazioni sulle cose principali, come l'irak, ci siamo fatti le pippe con  l'Ernesto riversando tante energie sprecate nel PRC?).
fare uno sport delle accuse al Campo mi pare un buon alibi per coprire i nostri errori e per non  entrare nel merito delle questioni che sollevano.

Un esempio mi viene ora in mente: li accusi di invitare alla Conferenza quelli di Moqhtada Sadr, gli sciiiti. Dici (tu che non hai mai avanzato una sola critica a saddam Hussein, come se fosse un Fidel) che questi sono tutti nemici della resistenza e che anche solo discutere con loro sarebbe un tradimento -segno, secondo te, che quelli del campo sono amibigui. Non va bene caro Fulvio. E' invece encomiabile che il campo inviti anche loro ad una conferenza qui in Italia (il governo la tollerera'? e se la proibira' tu che farai? continuerai a urlare alla luna contro il campo?). sarebbe traqgico. 
Se potesi andrei alla Conferenza sull'Iraq anche per questa ragione, per ascoltare cosa davvero vogliono questi sciiti radicali (che non mi pare sia servi  USA come invece dici tu: ma mai senza portare argomenti davvero solidi-- si stanno sparando contri gli altri sciiti di Sistani).
Insomma, come compagni dobbiamo riconoscere quel che di positivo fanno altre componenti e smetterla di azzannarci tra noi.E' nell'interesse di chi se facciamo come i polli di Renzo?




links will come -st3 




More information about the Italy-notify mailing list