[Italy-notify] messaggio di notifica di amministrazione -- 896125

notify notify at indymedia.org
Thu Oct 13 07:45:58 PDT 2005


post  id nr 896125
Editato da mazzetta
Per accontentare Bush, che aveva chiesto di vuotare i rifugi entro metà ottobre, la FEMA (protezione civile) non ha trovato di meglio che affittare alberghi.
Un costo di circa 11 milioni di dollari, che ancora una volta fa a pugni con la logica e l'intelligenza.
Secondo i sindaci di diverse città americane, molti dei profughi di New Orleans avrebbero già potuto ricevere abitazioni provvisorie, ma la FEMA non ci sente e tira dritto per la sua strada. Così mentre il programma di acquisto per i i prefabbricati, e il report sulle abitazioni disponibili non è ancora stato completato, i profughi vengono mandati a vegetare nelle camere d'albergo.
Molto criticata è anche la procedura decisa da FEMA per aiutare le vittime dell'alluvione, pare infatti che queste riceveranno un semplice assegno, con tanti saluti dal governo americano.
Fortunatamente diverse municipalità si sono attivate su basi diverse, prevedendo un'assistenza alle famiglie disorientate dalla scigura, che vada oltre la semplice dazione economica. Programmi che aiutino a trovare casa e lavoro ed assistenza per i casi più delicati. Una goccia nel mare; decine di migliaia di famiglie sono destinate a rimanere per mesi in albergo in città sconosciute; visto che la FEMA non è ancora in grado di dire quando avrà pronti i piani per sistemarle in maniera meno precaria.
Nel grafico la distribuzione dei profughi

-->
Per accontentare Bush, che aveva chiesto di vuotare i rifugi entro metà ottobre, la FEMA (protezione civile) non ha trovato di meglio che affittare alberghi.
Un costo di circa 11 milioni di dollari, che ancora una volta fa a pugni con la logica e l'intelligenza.
Secondo i sindaci di diverse città americane, molti dei profughi di New Orleans avrebbero già potuto ricevere abitazioni provvisorie, ma la FEMA non ci sente e tira dritto per la sua strada. Così mentre il programma di acquisto per i i prefabbricati, e il report sulle abitazioni disponibili non è ancora stato completato, i profughi vengono mandati a vegetare nelle camere d'albergo.
Molto criticata è anche la procedura decisa da FEMA per aiutare le vittime dell'alluvione, pare infatti che queste riceveranno un semplice assegno, con tanti saluti dal governo americano.
Fortunatamente diverse municipalità si sono attivate su basi diverse, prevedendo un'assistenza alle famiglie disorientate dalla sciagura, che vada oltre la semplice dazione economica. Programmi che aiutino a trovare casa e lavoro ed assistenza per i casi più delicati. Una goccia nel mare; decine di migliaia di famiglie sono destinate a rimanere per mesi in albergo in città sconosciute; visto che la FEMA non è ancora in grado di dire quando avrà pronti i piani per sistemarle in maniera meno precaria.
Intanto il conto degli alberghi cresce e si mangia gli aiuti per la ricostruzione.
Nel grafico la distribuzione dei profughi

links will come -st3 




More information about the Italy-notify mailing list