[Italy-notify] messaggio di notifica di amministrazione -- 1032559

notify notify at indymedia.org
Wed Mar 29 01:28:55 PST 2006


post  id nr 1032559
Editato da arccx
 Alla prova dei fatti, la cosiddetta estrema destra è una sommatoria di fascistoidi che con le idealità nazionalpopolari dell’esperienza fascista non hanno nulla a che vedere. Essi, invece, sono la caricatura eterodiretta da Washington di quello che il Fascismo dovrebbe essere secondo i canoni del Sistema dominante. Il risultato di questa messinscena è di un’estrema destra sostanzialmente filoamericana, se non delle dichiarazioni, quantomeno nei comportamenti. Facciamo alcuni esempi: gli USA fa comodo che in Europa ci sia un sentimento antiislamico? E l’estrema destra è antiislamica, ignorando che il Fascismo con l’Islam aveva ottimi rapporti. Ignorando che nel nostro passato vi sono retaggi culturali arabi e ignorando che è nostra convenienza avere rapporti cordiali con il mondo arabo e musulmano, visto il condominio nel Mediterraneo. Gli USA in Europa hanno un servo di rara pochezza intellettuale e di nessuna dignità: Silvio Berlusconi. E l’Estrema Destra che ti fa? Si allea con Berlusconi. Sulla base di cosa, si domanderebbe un nazionalpopolare che abbia un minimo di capacità di intendere e di volere? Il Silvio di Arcore propone l’interazione di economie autosufficienti a SIlvio di Arcore propone la Sovranità Monetaria che svincolerebbe l’Italia e l’Europa dall’usura delle banche? Certo che no! Berlusconi propone un programma di Liberazione nazionale e continentale dalla servitù del padrone statunitense (a cominciare dallo smantellamento delle 107 basi militari presenti nella sola Italia)? 
Viene da ridere anche solo a rispondere. Silvio e la sua Forza Italia (con il fior fiore delle più potenti società immobiliari e assicurative) hanno forse a cuore la risoluzione del problema della casa così come la vorrebbero risolvere i proponenti del Mutuo Sociale? A rispondere, qui, ci sarebbe da piangere. In realtà, a questa estrema destra manca un respiro strategico e manca di un progetto complessivo di quello che vuol essere e fare da grande. Anche i pochi progetti che parzialmente elaborano qua e là, di tutto rispetto se considerati in sè e per sè (il già citato Mutuo Sociale, Bilancio Partecipativo, Sovranità Monetaria,...), sono inevitabilmente condannati alla sterilità. Nello scatolone berlusconiano finiranno nel dimenticatoio. Mancano di nazionale e continentale. Il loro antiamericanismo è sempre esternato a mezza voce. L’americano che ci comanda è un nemico, dice l’estremista di destra. C’è sempre un comunista e un islamico che sono, però, più nemici di quel nemico. Recitano esattamente come Hollywood e Condoleeza Rice gli ordinano. 
Questa estrema destra è l’ultima versione dell’antifascismo (della peggiore specie) e dell’antiitalianità. Commette l’imperdonabile errore di conciliare Berlusconi e il Fascismo, attraverso un tatticismo situazionista suicida. E’ possibile, penso, che da quell’area si possano salvare le singole persone. Ma le deficienze d’analisi, i programmi confusi e i gruppi in quanto tali sono da consegnare ad un archivio non più consultabile: quello del neofascismo folkloristico e impotente. Quello che con Alessandro Pavolini, Berto Ricci e Carlo Terracciano non ha nulla a che spartire. 

Tratto da : <a href="http://www.valianti.it/cgi-bin/bp.pl?pagina=mostra&articolo=1505">link articolo</a>

-->
 Alla prova dei fatti, la cosiddetta estrema destra è una sommatoria di fascistoidi che con le idealità nazionalpopolari dell’esperienza fascista non hanno nulla a che vedere. Essi, invece, sono la caricatura eterodiretta da Washington di quello che il Fascismo dovrebbe essere secondo i canoni del Sistema dominante. Il risultato di questa messinscena è di un’estrema destra sostanzialmente filoamericana, se non delle dichiarazioni, quantomeno nei comportamenti. Facciamo alcuni esempi: gli USA fa comodo che in Europa ci sia un sentimento antiislamico? E l’estrema destra è antiislamica, ignorando che il Fascismo con l’Islam aveva ottimi rapporti. Ignorando che nel nostro passato vi sono retaggi culturali arabi e ignorando che è nostra convenienza avere rapporti cordiali con il mondo arabo e musulmano, visto il condominio nel Mediterraneo. Gli USA in Europa hanno un servo di rara pochezza intellettuale e di nessuna dignità: Silvio Berlusconi. E l’Estrema Destra che ti fa? Si allea con Berlusconi. Sulla base di cosa, si domanderebbe un nazionalpopolare che abbia un minimo di capacità di intendere e di volere? Il Silvio di Arcore propone l’interazione di economie autosufficienti a SIlvio di Arcore propone la Sovranità Monetaria che svincolerebbe l’Italia e l’Europa dall’usura delle banche? Certo che no! Berlusconi propone un programma di Liberazione nazionale e continentale dalla servitù del padrone statunitense (a cominciare dallo smantellamento delle 107 basi militari presenti nella sola Italia)? 
Viene da ridere anche solo a rispondere. Silvio e la sua Forza Italia (con il fior fiore delle più potenti società immobiliari e assicurative) hanno forse a cuore la risoluzione del problema della casa così come la vorrebbero risolvere i proponenti del Mutuo Sociale? A rispondere, qui, ci sarebbe da piangere. In realtà, a questa estrema destra manca un respiro strategico e manca di un progetto complessivo di quello che vuol essere e fare da grande. Anche i pochi progetti che parzialmente elaborano qua e là, di tutto rispetto se considerati in sè e per sè (il già citato Mutuo Sociale, Bilancio Partecipativo, Sovranità Monetaria,...), sono inevitabilmente condannati alla sterilità. Nello scatolone berlusconiano finiranno nel dimenticatoio. Mancano di nazionale e continentale. Il loro antiamericanismo è sempre esternato a mezza voce. L’americano che ci comanda è un nemico, dice l’estremista di destra. C’è sempre un comunista e un islamico che sono, però, più nemici di quel nemico. Recitano esattamente come Hollywood e Condoleeza Rice gli ordinano. 
Questa estrema destra è l’ultima versione dell’antifascismo (della peggiore specie) e dell’antiitalianità. Commette l’imperdonabile errore di conciliare Berlusconi e il Fascismo, attraverso un tatticismo situazionista suicida. E’ possibile, penso, che da quell’area si possano salvare le singole persone. Ma le deficienze d’analisi, i programmi confusi e i gruppi in quanto tali sono da consegnare ad un archivio non più consultabile: quello del neofascismo folkloristico e impotente. Quello che con Alessandro Pavolini, Berto Ricci e Carlo Terracciano non ha nulla a che spartire. 

Tratto da : <a href="http://www.valianti.it/ cgi-bin/bp.pl?pagina=mostra&articolo=1505">link articolo</a>

links will come -st3 




More information about the Italy-notify mailing list